Blog salute

Urologia/Andrologia

IPERTROFIA BENIGNA della PROSTATA

~~L’Iperplasia/Ipertrofia Benigna della Prostata (IPB o BPH)
 L’iperplasia benigna della prostata (BPH o IPB) è una condizione caratterizzata da un aumento delle dimensioni prostatiche. La prostata passa per due epoche nelle quali cresce di dimensioni: la prima è alla pubertà e la prostata raddoppia le sue dimensioni; la seconda comincia intorno ai 25-30 anni e continua durante la maggior parte della vita di un uomo.
Mano a mano che la prostata si ingrandisce, questa può comprimere progressivamente l’uretra mentre la vescica può perdere progressivamente la capacità di svuotarsi completamente lasciando orina al suo interno. L’affinamento dell’uretra e lo svuotamento incompleto posteriore, causano la maggior parte dei problemi associati con iperplasia benigna di prostata. La BPH o IPB non sta relazionata con il tumore della prostata, non causa tumore ed è comune in uomini di età avanzata. Circa il 50% di tutti gli uomini tra i 50 e i 60 anni hanno BPH mentre fino al 90% degli uomini di età superiore agli 80 anni ne soffre.
Quando la prostata s’ingrandisce, la vescica (che è un muscolo speciale) può irritarsi e dar seguito a certi sintomi:
• Un sintomo comune della BPH è la necessità di orinare con frequenza, specialmente di notte.
• La sensazione che la vescica sia rimasta piena anche dopo aver urinato;
• Il “non poter aspettare” quando si nota lo stimolo di urinare;
• Flusso di urina debole;
• Gocciolio al termine della minzione;
• La necessità di fermarsi e ricominciare ad urinare più volte;
• La necessità di spingere o fare sforzo per urinare;
• L’impossibilità di urinare (che rappresenta un’emergenza).
Nella maggior parte degli uomini l’IPB peggiora con l’età. Può provocare danni a livello della vescica, infezioni, formazione di calcoli, disturbi funzionali della vescica fino al danno renale. Nella maggior parte dei casi l’IPB o BPH deve essere trattata.
Cause dell’iperplasia/ipertrofia benigna della prostata.
Al giorno d’oggi la vera causa dell’IPB non è del tutto chiara. Ci sono Autori che credono che fattori relazionati con l’invecchiamento o con i testicoli possono essere involucrati come causanti l’iperplasia benigna di prostata.
Con l’età, la quantità totale di testosterone circolante nel sangue diminuisce (il testosterone è un ormone maschile), il che lascia una maggior proporzione di estrogeni (un ormone femminile) circolanti. Studi scientifici hanno suggerito che si può produrre un’iperplasia benigna di prostata in seguito al fatto che la maggior proporzione di estrogeni dentro la prostata aumenta l’attività di sostanze che promuovono la crescita delle cellule prostatiche. Un’altra teoria tiene in considerazione il diidrotestosterone (DHT), un ormone maschile che ha un ruolo nello sviluppo e crescita della prostata e che rappresenta la forma attiva del testosterone. Certi studi hanno indicato come, incluso con un abbassamento dei livelli ematici di testosterone, gli uomini in età adulta continuano a produrre e accumulare alti livelli di DHT a livello prostatico; questo accumulo può stimolare le cellule prostatiche a continuare a crescere.
Le patologia prostatiche possono essere trattate senza che l’età del paziente rappresenti un fattore limitante.
 

comments powered by Disqus